Pratt & McClain – Happy Days

Fai sapere che ti piace!

“Sunday, Monday, happy days
Tuesday, Wednesday, happy days
Thursday, Friday, happy days
Saturday, what a day
Groovin’ all week with you”

Un vecchio jukebox Seeburg, il braccio che si appoggia su un disco che comincia a girare e sulle parole “Sunday, Monday, happy days...” partono i titoli di testa di uno dei telefilm di maggior successo di tutti i tempi, amato da varie generazioni, replicato ancora oggi con successo e responsabile in parte del revival degli anni 50, quelli dei “giorni felici”. Per scoprire davvero tutto sulla storia di “Happy Days” vi rimando all’ottimo sito del Fan Club italiano, noi qui ci occuperemo della canzone che ha accompagnato per anni le immagini di Richie, Fonzie, Potsy e Ralph e le cui note, nei lontani pomeriggi del 1977 (anno in cui la serie arrivò in Italia, con 3 anni di ritardo rispetto alla prima messa in onda negli Stati Uniti, nel 1974), annunciavano l’immersione in un mondo spensierato e nostalgico che forse non è mai realmente esistito. La canzone “Happy Days” viene composta nel 1974 da Norman Gimbel e Charles Fox, due vecchie volpi nel mondo delle sigle TV e delle colonne sonore, autori tra gli altri dei temi di “Wonder Woman“, “Laverne e Shirley” e “Love Boat“, e di canzoni di grande successo come “Killing me softly” incisa nel 1973 da Roberta Flack. In realtà nelle prime due stagioni il tema iniziale del telefilm non è questa canzone, bensì il classico “Rock around the clock” di Bill Haley. Il tema di “Happy Days” appare solo come sigla di chiusura, cantata da Jim Haas – un apprezzato corista che ha cantato con John Denver, Neil Diamond, Jackson Browne e anche coi Pink Floyd – mentre la base è fornita da anonimi musicisti di studio. Dopotutto si tratta solo della sigla dei titoli di coda, ma dopo le prime due stagioni, nel 1976, la canzone viene “promossa” a sigla di apertura dello show. Questa volta l’esecuzione viene affidata a veri musicisti, una band specializzata in jingle pubblicitari e sigle, Pratt & McClain, composta da Jerry McClain e Truett Pratt, noti anche come Brother Love. Prodotto da Steve Barri e da Michael Omartian, un cantautore e tastierista produttore di dischi tra gli altri di Michael Bolton, Christopher Cross, Whitney Houston, Donna Summer e Rod Stewart, il singolo nella nuova versione eseguita da Pratt & McClain, e con un testo cambiat,o viene pubblicato nel marzo del 1976 e raggiunge la posizione n. 5 nelle classifiche americane, rappresentando il maggior successo discografico della band, e anche uno dei rari casi – per l’epoca – in cui il tema di uno spettacolo TV venga registrato in un disco e diventi un successo. Questa versione della canzone sarà la sigla di apertura e di chiusura per le stagioni dalla 3 alla 10. Quando all’inizio della sigla si vede il jukebox che carica un disco, guardando attentamente di vede che sull’etichetta c’è scritto “Happy Days, musica di Charles Fox, testi di Norman Gimbel”. La cosa curiosa è che quel 45 giri, all’epoca della prima messa in onda dello show, non esiste,  è stato stampato appositamente in una copia, prima ancora che venga regolarmente inciso e distribuito. Ha raccontato l’autore della musica Charles Fox: «Quel 45 giri è rimasto da qualche parte nel mio studio per anni, e solo di recente lo Smithsonian Institution (un istituto di istruzione e ricerca con annesso un importante museo, amministrato e finanziato dal governo degli Stati Uniti, Ndr) mi ha chiesto se avessi qualche oggetto singolare che avrebbero potuto collocare nella loro nuova ala musicale. Quel disco sarà nello stesso espositore con la giacca di pelle di Fonzie, quindi è davvero bello per me sapere che avrà il suo piccolo posto nella storia». Nel 1983, per l’undicesima e ultima stagione del telefilm, la canzone viene riarrangiata in uno stile più moderno e interpretata da Bobby Arvon, ma ormai “Happy Days“, che ha perso pian piano quasi tutti i personaggi dei primi anni, non ha più neanche l’ombra della magia delle prime irripetibili stagioni. La canzone tornerà alla ribalta nel 2007, come tema portante del musical tratto dalla sitcom, con nuove canzoni composte dal cantautore Paul Williams (quello, per intenderci, del film di culto “Il fantasma del palcoscenico” di Brian De Palma). “Happy Days” compare anche in un episodio di “Friends” del 1996, in cui Ross e Monica ricordano come facevano finta di essere personaggi di Happy Days quando erano bambini.

Autori: Norman Gimbel / Charles Fox
Anno di pubblicazione: 1976

 

1 Trackback / Pingback

  1. Bill Haley & His Comets – Rock around the clock |

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*