Earth Wind & Fire – September

Fai sapere che ti piace!

È il 1978 quando l’autrice Allee Willis viene presentata, da comuni amici, a Verdine e Maurice White, menti degli Earth Wind & Fire. Lei è bianca, di famiglia ebrea, ma cova da sempre una passione per la musica soul della Motown Records. Ha scritto canzoni per tanti artisti, e in futuro scriverà anche per i Pet Shop Boys e Cyndi Lauper e soprattutto “I’ll Be There for You“, tema della serie TV “Friends“, ma per lei avere l’opportunità di lavorare nientemeno che con gli Earth Wind & Fire, una delle più importanti band di soul-funky di tutti i tempi, è quasi un sogno che si avvera. Per la band l’autrice scriverà oltre a “September” anche “Boogie Wonderland“, ma il primo impatto con Maurice White è spiazzante: il cantante la invita a leggere “The Greatest Salesman In The World” (“Il più grande venditore del mondo”), un libro di Og Mandino che oltre a essere una sorta di bibbia per molti venditori, in realtà presenta dei principi di vita, che se appresi ed applicati quotidianamente possono aiutare a raggiungere il proprio successo personale nei più svariati ambiti. Ha detto la Willis: «Le loro canzoni erano molto basate sulle filosofie orientali, una visione incredibilmente positiva della vita; il contenuto dei loro testi non era quello tipico della musica soul di quel momento. Il primo giorno, Maurice mi ha mandato al Bodhi Tree, che è una libreria di Los Angeles che tratta libri spirituali. Leggere tutte quelle cose mi ha cambiato per sempre. Mi ha condotto su un percorso su cui sono rimasta». Quando la Willis arriva allo studio per incontrare il resto del gruppo sente l’introduzione della canzone, come ha raccontato lei stessa: «Proprio mentre ho aperto la porta e ho sentito quella piccola introduzione di chitarra, ho pensato, “Oh Dio, ti prego, fa che sia quella su cui vogliono lavorare con me. Perché sarà stato ovviamente un successo“». L’idea della canzone viene a Maurice White mentre si trova in una camera d’albergo a Washington. Sotto le finestre dell’hotel è in corso una specie di protesta, e White stesso ha raccontato: «C’erano tutti questi gatti che urlavano e lanciavano cose, sembravano tutti pazzi, ed è scaturita questa melodia». Sulla base della progressione di accordi immaginata da White, lui stesso, il chitarrista della band Al McKay e Allee Willis lavorano per circa un mese prima di ottenere il risultato voluto. Ma è soprattutto su alcune parti del testo che la Willis e White si scontrano. L’autrice ha ammesso in seguito di essere una persona molto razionale nello scrivere i testi di una canzone. Per esempio vuole assolutamente sapere da White il significato della prima frase del testo “Do you remember the 21st night of September?” (“Ricordi la 21esima notte di settembre?”): «Gli ho chiesto: “Perché il 21?”. Sono una a cui piace legare tutte le estremità in modo molto ordinato, quindi se sto dicendo “il 21”, voglio sapere qual è il significato all’interno della canzone. Ma Maurice mi ha detto che non c’era alcun significato reale, che fosse vero o no non saprei dirlo. Ma per quanto ne so, alla fine la frase suonava davvero bene. E direi che la lezione principale che ho imparato dagli Earth, Wind & Fire, è che qualcuno ascolterà quello che stai dicendo se quelle parole si adattano bene». Se la data “21 settembre” già provoca dei dubbi nella Willis, immaginiamoci allora il ritornello con quei “Ba-dee-ya” ripetuti più volte. «Non potevo assolutamente lavorare su testi senza senso. E sono estremamente felice di aver perso quell’atteggiamento. Ho detto a Maurice (White, ndr) :”Non puoi lasciare “Ba-dee-ya” nel ritornello, che cazzo significa “ba-dee-ya”? E lui mi rispose: “A chi cazzo importa? Questo è ciò che la gente ricorderà. Lo lasceremo”. Ho imparato da lui la mia più grande lezione di songwriting, non permettere mai al testo di intralciare il groove (ritmo, riff, divertimento, ndr)». Verdine White, fratello minore di Maurice e bassista della band, ha parlato dell’influenza duratura della canzone. «La gente ora si sposa il 21 settembre – ha detto – Il mercato azionario sale il 21 settembre. Ogni bambino che conosco ora che ha vent’anni, mi ringrazia perché è nato il 21 settembre». “September” viene pubblicata come singolo e inserita nella prima compilation del gruppo, “The Best of Earth, Wind & Fire, Vol. 1“, insieme alla cover di “Got To Get You Into My Life” dei Beatles, per incrementare le vendite grazie all’inserimento di alcuni inediti. In effetti l’album diventa il loro disco più venduto aiutando la band a raggiungere un pubblico più vasto, e il singolo negli Stati Uniti riceve il disco d’oro, che all’epoca significava un milione di copie vendute (oggi, per capirci, la soglia per il disco d’oro è stata fissata a 35.000 copie). Nel 2014 gli Earth, Wind & Fire hanno registrato una nuova versione della canzone, ribattezzata “December“, per il loro album di Natale “Holiday“, guarda caso il loro 21esimo album.

TI È PIACIUTA QUESTA STORIA? Se sei arrivato fin qui vuol dire che l’hai trovata interessante. Scrivere e condividere questa passione mi piace, ma ha dei costi (hosting, rinnovo dominio, programmatore ecc.). Considera l’idea di fare una donazione (qualsiasi cifra è ben accetta) per contribuire ad aiutarmi a mantenere il sito e renderlo sempre più ricco di contenuti.


Autori: Maurice White / Al McKay / Allee Willis
Anno di pubblicazione: 1978

 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*