Pharrell Williams – Happy

Fai sapere che ti piace!

Quasi mai nel cinema è “Buona la prima”… certo non lo è stato per Pharrell Williams e per la colonna sonora del film d’animazione “Cattivissimo Me 2”. In realtà il cantante aveva già partecipato alla colonna sonora del primo film della serie, componendo anche il brano portante “Despicable Me“, che però non era stato un successo di grandi proporzioni. Nel frattempo ci sono state le collaborazioni coi Daft Punk (“Get lucky“) e Robin Thicke (“Blurred Line“) che hanno portato Pharrell in cima alle classifiche di tutto il mondo e ne hanno decretato lo status di star. Nel 2013 quindi Williams è ormai un artista famoso a livello internazionale, conteso da tutti per la sua capacità di trasformare in oro tutto quello che tocca, così al momento di realizzare la colonna sonora per “Cattivissimo Me 2“, il produttore Chris Meledandri si rivolge ancora a lui per comporre quella che sarà la canzone portante del film. Pharrell, occupato nel frattempo anche con la preparazione del suo secondo album solista “Girl“, che uscirà nel 2014, si mette subito al lavoro ma il compito si rivela ben presto più difficile del previsto, perché il produttore del film sembra incontentabile. Il cantante ha raccontato che aveva già presentato 9 canzoni a Chris Meledandri, ricevendo ogni volta un rifiuto, prima di scrivere “Happy”: «Ero a zero. Dopo nove canzoni diverse, registrate completamente, era sempre” No, no, no, no “. Così sono tornato in studio e ho scritto “Happy“. Non avevo la melodia, solo il ritornello, così 20 minuti dopo aver finito  ho detto a Chris di ascoltare la canzone nella sua auto, e che se non gli piaceva neanche questa non avrei saputo più cosa dargli!». Ovviamente la canzone viene accettata e inserita in un momento cruciale nella trama del film, come racconta lo stesso Pharrell: «Gru, il personaggio principale che non è più un cattivo, si è innamorato e prova così tanta gioia che balla letteralmente per le strade, quel tipo di felicità è così contagioso, non puoi fare a meno di sorridere. Quando l’ho scritta mi ero chiesto: “Com’è la sensazione di essere di buon umore?'”, ed è così che è nata “Happy”, e non sarebbe mai successo se lo studio non avesse continuato a dirmi ‘No, non è abbastanza buono, No, non è abbastanza buono». Inizialmente però il cantante pensa di affidare la canzone a CeeLo Green, cantante e rapper di grande successo, e dopo averne registrato un demo è convinto che la versione di Green sia migliore della sua, ma i produttori del collega non sono dell’idea di distrarre il pubblico dal nuovo album di CeeLo Green in uscita a Natale, e si oppongono al progetto. Così Williams registra la canzone da solo, letteralmente, poiché suona tutti gli strumenti, compresa la batteria, con l’aiuto di 6 coriste per il trascinante ritornello, che occupa oltre il 60% dell’intera canzone. La parola “Happy” viene ripetuta bel 56 volte. Il video della canzone è il primo video musicale di 24 ore della storia. Diretto dal duo creativo We Are From L.A. è stato girato interamente con una Steady Cam, chiedendo alla crew di percorrere quasi otto miglia al giorno nel corso di 11 giorni. Le immagini vengono riprodotte su un ciclo di un’intera giornata e seguono più di 400 personaggi diversi che esprimono gioia. Oltre alle persone comuni che ballano per le strade di Los Angeles, compaiono una serie di volti noti, tra cui Steve Carell e Miranda Cosgrove (doppiatori originali del film) e Williams stesso, che appare 24 volte. Inoltre appaiono Kelly Osbourne, Sérgio Mendes, Magic Johnson, Jamie Foxx e Steve Martin. E naturalmente i Minions. Il 21 novembre 2013 è stata pubblicata su YouTube una versione di quattro minuti del video che vince il Grammy Award come Miglior Video Musicale, e a marzo 2018 raggiunge oltre 1 miliardo di visualizzazioni. Il singolo schizza subito in vetta alle classifiche di tutto il mondo, Italia compresa, e diventa il disco più venduto dell’anno con quasi 14 milioni di copie. La canzone ottiene anche una nomination agli Oscar, ma viene battuta da “Let it go” dal film “Frozen“. Alla rivista GQ Williams ha così commentato scherzosamente: «Credetemi, quando hanno letto il risultato la mia faccia è rimasta… frozen (di ghiaccio)»

Autore: Pharrell Williams
Anno di pubblicazione: 2013

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*