Ben E. King – Stand by Me

Fai sapere che ti piace!

Il Reverendo Dr. Charles Albert Tindley era un pastore metodista vissuto a cavallo del secolo scorso (nacque nel 1851 e morì nel 1933). Fu anche un attivista politico e, memore del padre che era uno schiavo, si batté tutta la vita per i diritti civili della popolazione di colore. Ma cosa c’entra il Rev. Tindley con la storia di “Stand by Me“,  una delle più famose canzoni della storia della musica? Beh, il fatto è che Tindley era anche un prolifico compositore di inni sacri ed è considerato uno dei padri fondatori della musica gospel americana, ma purtroppo per lui la sua opera è stata più volte saccheggiata per canzoni di successo senza che il suo nome comparisse mai tra gli autori. Così è stato, per esempio, per “I’ll Overcome Some Day“, che Tindley pubblicò nel 1900 e che diventerà negli anni ’60 “We shall Overcome“, uno dei più popolari inni pacifisti, reso immortale dalla versione di Joan Baez. Ma non divaghiamo, e torniamo alla nostra canzone e al suo “autore” ufficiale Ben E. King. Nel 1958 King entra nella formazione dei Drifters, un gruppo doo wop (uno stile di musica vocale derivato dal rhythm and blues e dal rock and roll). All’epoca usa ancora il suo nome di battesimo, Benjamin Earl Nelson, e contribuisce non poco al successo di molte canzoni della band. Nel 1960 King presenta al gruppo l’abbozzo di una nuova canzone, “Stand by Me“, derivata molto liberamente dall’inno gospel dallo stesso titolo composto dal Rev. Tindley nel 1905 e inciso dal gruppo vocale Staple Singers nel 1955. King approfitta dell’occasione per chiedere un modesto aumento di stipendio e una parte dei diritti ricavati dalle incisioni dei Drifters, ma ottiene un no su tutta la linea: niente aumento, niente royalties e la sua canzone non interessa. A questo punto il cantante decide di proseguire la strada da solo, lascia il gruppo e si presenta al duo di compositori e produttori Jerry Leiber e Mike Stoller, autori tanto per capirci, di tanti successi di Elvis Presley. Coi due produttori King registra “Spanish Harlem“, il suo primo singolo come solista, e alla fine della registrazione, visto che è rimasto del tempo, Leiber chiede al cantante se ha qualche altra canzone da fargli ascoltare. King comincia a intonare a cappella “Stand by Me“, di cui ha solo un accenno di melodia e qualche parola. Quando in studio arriva anche Stoller, il collega gli dice che stanno scrivendo una nuova canzone. “Fatemi sentire” dice Stoller, poi si siede al pianoforte e, mentre King canta, suona alcuni accordi dopodiché crea la linea di basso che diventerà uno dei tratti distintivi della canzone. King e Leiber terminano il testo, poi richiamano i studio i musicisti che nel frattempo se ne stavano andando, e registrano la canzone nella forma che tutti conosciamo e che ha incantato varie generazioni di ascoltatori. Il singolo arriva subito al n. 1 nelle classifiche R & B americane, ed entra nella Top 10 in America e in tutta l’Europa nel 1961, per poi tornarci nel 1986 quando fu utilizzata nella colonna sonora del film “Stand by Me- Ricordo di un’estate” diretto da Bob Reiner e tratto da un racconto di Stephen King. Nel corso della sua lunga vita ha avuto innumerevoli cover, la più importante delle quali è sicuramente quella di John Lennon – apprezzata anche da King stesso – che arrivò alla ventesima posizione dei singoli più venduti nel Regno Unito. Nel 1963 fu incisa anche dal pugile Cassius Clay (prima di diventare Muhammad Ali) e inclusa nell’album “I Am The Greatest!“. In italia divenne un successo nel 1962 per Adriano Celentano col titolo “Pregherò“, scippando però la paternità a King visto che gli autori risultano Ricky Gianco e Don Backy. Come dire la regola del contrappasso…
La canzone è stata inserita dalla rivista
Rolling Stones alla posizione 122 della lista delle “Lista delle 500 migliori canzoni” e nel 1999 la Bmi l’ha nominata al 4° posto tra le canzoni più eseguite del XX secolo con oltre 7 milioni di esecuzioni certificate.

Autori: King / Leiber / Stoller
Anno di pubblicazione: 1961

 


 

 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*