Bruce Springsteen – Streets of Philadelphia

Fai sapere che ti piace!

Questa fu la prima volta che Bruce Springsteen scrisse una canzone appositamente per un film. Parliamo del bellissimo “Philadelphia”, uno dei primi grandi film a parlare esplicitamente dell’AIDS. Il regista Jonathan Demme aveva conosciuto Springsteen nel 1985 per il video di “Sun City“, ma da allora non l’aveva più visto, così per la colonna sonora pensò prima al suo vecchio amico Neil Young che scrisse “Philadelphia“, canzone che Demme giudicò perfetta per i titoli di coda. Per i titoli di testa il regista avrebbe voluto un brano rock, così Springsteen si mise al lavoro nel suo studio nel New Jersey, e rielaborò un testo che aveva composto in occasione della morte di un suo amico. Solo che questo testo malinconico non era adatto a un ritmo rock, così il Boss incise un nastro di prova suonando quasi tutti gli strumenti da solo mentre del basso e dei cori si occupò Tony Simms. Ulteriori parti di sassofono, e cori, di Ornette Coleman e di “Little” Jimmy Scott, sono stati registrati, ma mai utilizzati. Il Boss dunque inviò al regista quello che considerava una demo incompiuta, ma Demme trovò la canzone perfetta così com’era e la inserì nel film. La canzone ebbe un successo enorme soprattutto in Europa, mentre in America non arrivò più in alto del 9° posto delle classifiche. In compenso fece incetta di premi: oltre all’Oscar come migliore canzone, battendo “Philadelphia” di Neil Young, vinse un Golden Globe, un MTV Movie Award e 4 premi Grammy.
Demme intuì che Springsteen e Young avrebbero portato al cinema un pubblico che normalmente non avrebbe mai visto un film su un omosessuale che stava per morire di AIDS. Il film e la canzone hanno fatto molto per aumentare la consapevolezza sull’AIDS e togliere parte dei pregiudizi sulla malattia.

Autore. Bruce Springsteen
Anno di pubblicazione: 1993

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*